+

PSICOLOGO PSICOTERAPEUTA: Dott. Massimiliano De Somma - PSICOTERAPIA NAPOLI - Rassegna stampa - "Proiettati Fuori", malati dell'Opg diventano giornalisti - Psicoterapia Napoli: Dott. Massimiliano De Somma - Psicologo Psicoterapeuta

Link alla pagina Facebook
Link alla pagina Google plus
Link alla pagina Twitter
Link al canale You Tube
Foto del Dott. Massimiliano De Somma
Titolo del Sito del Dott. Massimiliano De Somma
Link Google Maps Studio Sant'Antimo (NA)
Link Google Maps Studio Napoli
Link per chiamata vocale
Vai ai contenuti
Documenti > Rassegna stampa

Il Corriere di Caserta 07/05/2002



Una rivista pubblicata grazie a De Somma
"Proiettati Fuori", i malati dell'Opg diventano giornalisti


 
"Proiettarsi fuori". Un gioco di parole che si addice bene alla realtà dell'Ospedale Psichiatrico Giudiziario "F. Saporito" di Aversa. Così infatti, il caporedattore, lo psicologo Massimiliano De Somma, della rivista bimestrale "La Storia di Nabuc" edita interamente dagli internati dell'O.P.G, ha voluto intitolare il nuovo numero uscito in questi giorni, nato in memoria di Maurizio Marazzi, l'internato morto all'interno dell'istituto pochi mesi fa. La rivista inserita nell'ambito delle attività trattamentali, si presta quale canale privilegiato di comunicazione fra i "matti" e i "sani" o forse. Un modo, per permettere non solo agli internati di proiettare all'esterno le loro esigenze, paure, rimpianti, angosce e frustrazioni, ma funzionale a chi è oltre il muro, per rispecchiarsi con una realtà diversa, e perché no, scoprire sottili similitudini. Una follia non espressa? Questo potrebbe essere il risultato del confronto. Capire che a volte nel pensiero non siamo molto diversi dagli altri, in quanto, tutti conteniamo negli abissi della mente desideri inconsci moralmente e socialmente inaccettabili.

Come ci spiega De Somma - "In questo numero abbiamo voluto approfondire il discorso della psiche, attraverso il test della figura umana, somministrato ad alcuni internati (dei quali si conserva l'anonimato) e consistente nel chiedere al soggetto di disegnare una figura umana sulla quale inventare una storia. Il soggetto senza accorgersene proietta nel racconto se stesso rivelando allo psicologo parti profonde di sé.

Che funzione ha dunque il test?

"Il test, serve a raccogliere informazioni importanti per una più precisa diagnosi al fine di programmare trattamenti personalizzati di recupero".

E l'area trattamentale della storia di Nabuc?

"Serve a dare voce a chi in questi contesti non ha sempre questo diritto, essa infatti consiste in una sorta di terapia di gruppo d'ascolto, dove il confronto e il rispecchiamento con l'altro e con il lettore ne fanno da padroni".

Teresa Grandioso



Torna ai contenuti